VOR-03 Interpretazione delle indicazioni

L’interpretazione delle indicazioni del VOR – (La relazione tra le indicazioni e la posizione dell’aereo in funzione della radiale selezionata)

Per interpretare correttamente il VOR e quindi per imparare a usarlo in modo appropriato, la prima cosa da avere ben chiara in mente e da tenere sempre presente, è che le sue indicazioni sono assolutamente indipendenti dall’orientamento dell’asse longitudinale dell’aereo, cioè dalla prua. 

 

 

 

 

L’indicatore avrà infatti la lancetta a sinistra, al centro, o a destra, e in una delle tre finestrelle appariranno le bandierine TO, FROM, o OFF, solo in funzione della radiale selezionata e della posizione dell’aereo rispetto a essa, indipendentemente dalla prua.

 

 

 

 

Il selezionare una qualunque radiale di un VOR, infatti, equivale a dividere lo spazio intorno alla stazione a terra in due semi piani A e B, delimitati dalla radiale stessa e da quella che si trova a essa opposta.

La lancetta dell’indicatore si trova spostata a destra quando l’aereo si trova nel settore A, a sinistra quando l’aereo si trova nel settore B, e al centro quando l’aereo si trova sulla radiale selezionata o su quella a essa opposta, sempre indipendentemente dalla prua dell’aereo.

Contemporaneamente, le due radiali ortogonali alla radiale selezionata dividono lo spazio intorno  alla stazione a terra in altri due semi piani che si possono chiamare del FROM e del TO.

Infatti, quando l’aereo si trova oltre le due radiali ortogonali dalla parte della radiale selezionata, la bandierina compare nella finestrella del FROM, mentre quando l’aereo si trova dall’altra parte la bandierina compare nella finestrella del TO.

Anche le indicazioni TO e FROM sono assolutamente indipendenti dalla prua dell’aereo.

Perciò, quando un aereo attraversa le radiali ortogonali a quella selezionata, avviene il cambio di bandierina da TO a FROM o viceversa, intervallato dall’apparizione della bandierina OFF per un tempo tanto più lungo quanto maggiore è la distanza del velivolo dalla stazione.

Quando invece l’aereo si muove dal settore A verso il settore B o viceversa, la lancetta comincia a muoversi dalla sua posizione di fondo scala, a destra o a sinistra, nel momento in cui l’aereo giunge sulla radiale che si trova 10° prima di quella selezionata.

Mano a mano che l’aereo taglia le radiali sempre più prossime a quella selezionata, la lancetta si avvicina al centro di un punto bianco ogni 2°, e si sposta dalla parte opposta quando l’aereo cambia settore.

 

 

 

 

 

 

 

La figura mostra i VOR di due aerei che hanno entrambi selezionato la radiale 300°.

Quello in basso si trova sulla radiale 310° e perciò la sua lancetta è sull’ultimo punto bianco a fondo scala, mentre quello in alto si trova sulla radiale 305°, e perciò la sua lancetta si trova a metà strada tra il fondo scala e il centro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa figura rappresenta otto indicatori VOR relativi ad altrettanti aerei disposti in quella posizione reciproca rispetto alla radiale selezionata e  riassume quanto abbiamo finora spiegato.

Essa mette anche in evidenza lo stretto settore dell’OFF, largo circa 5° a cavallo delle radiali ortogonali a quella selezionata.

Ruotando di un certo numero di gradi il comando OBS dell’indicatore VOR, cioè cambiando il valore della radiale selezionata, si ruota di uno stesso numero di gradi la “croce” formata dalla radiale selezionata e dalla sua opposta con le due radiali ortogonali.

Ipotizzando di ruotare di 45° verso sinistra gli OBS degli otto indicatori della figura (attualmente regolati sulla radiale 360°), la radiale selezionata diventerebbe la 315° che si verrebbe a trovare sotto l’indicatore 8, le radiali ortogonali con i settori dell’OFF diventerebbero la 045° e la 225° che si verrebbero a trovare sotto gli indicatori 2 e 6, e la radiale opposta a quella selezionata diventerebbe la 135° che si verrebbe a trovare sotto l’indicatore 4.

In conseguenza gli indicatori 8 e 4 fornirebbero il display attualmente fornito dall’1 e dal 5, il 7 e il 3 fornirebbero quello dell’8 e del 4, e così via.

Print Friendly, PDF & Email